Windows 7, primi risultati per sperare

Primi dati di vendita del sistema operativo mobile di Microsoft: non entusiasmanti, ma neanche da buttare. In attesa dell’esordio con Verizon e Sprint. E con un’offerta di applicazioni in forte crescita

Roma – Il nuovo tentativo di Microsoft nel settore degli smartphone non è un fallimento, ma non permette neanche di festeggiare prematuramente: la parola d’ordine a Redmond resta “cauto ottimismo”.
I primi numeri sono parziali: 1,5 milioni di device con Windows Phone 7 venduti da HTC e Samsung ai carrier distributori nelle prime 6 settimane.

Dato il poco tempo, l’esordio di una piattaforma del tutto nuova e il fatto che non si tratta dell’effettiva vendita ai clienti, tuttavia, il dato non può essere preso come conclusivo e non è in alcun modo paragonabile con quelli attualmente registrati da Apple (che ha impiegato al suo esordio 74 giorni per superare quota 1 milione di iPhone venduti) e Google (che con T-Mobile ha avuto bisogno di 6 mesi).

In un’eventuale comparazione, peraltro, entrerebbero in gioco la diversa congiuntura del mercato (Microsoft ritorna con 3 anni di ritardo su Apple) e le diverse politiche dei prezzi adottate dai tre protagonisti: i modelli con la piattaforma Microsoft puntano a toccare le varie fasce di prezzo, ma per il momento costano tutti intorno ai 200 dollari (con vari sconti a disposizione).Il nuovo sistema operativo di Microsoft, inoltre, ha esordito per il momento in collaborazione solo con due delle telco statunitensi: T-Mobile e quella di iPhone AT&T. È atteso a breve il primo grande aggiornamento, che comprende il supporto CDMA per lavorare anche con Verizon e Sprint.

In ogni caso, facendo un raffronto interno a Microsoft, già adesso il nuovo sistema operativo ha surclassato le vendite totali di Kin, ferme tra i 6 mila e i 10 mila dispositivi.

Achim Berg, il responsabile Marketing e Business di Windows Phone 7, sottolinea poi che le statistiche in suo possesso sulla soddisfazione dei clienti sono ottimali: “Molto positiva l’esperienza iniziale con i nostri dispositivi e alta la volontà di raccomandarli ad altri”. Tempo e modo per far girare la voce, ecco quello che chiedono in definitiva da Redmond, per far apprezzare dagli utenti la loro nuova idea di sistema operativo mobile.

Altri numeri ritenuti confortanti vengono dalle app: Windows Phone 7 Marketplace ha raggiunto in due mesi dal lancio quota 4 mila applicazioni, una velocità di sviluppo molto maggiore rispetto, per esempio, ad Android che ha raggiunto gli stessi numeri in sei mesi.

Condividi